1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Primo piano Vergine Maria

Statua della Vergine Maria - Primo Piano

Interno della Chiesa

Immagine raffigurante l'interno del Santuario

Flagellazione di Gesu'

Dipinto raffigurante la flagellazione di Gesu'

Flagellazione di Gesu'

Dipinto raffigurante la flagellazione di Gesu'

L'Annunciazione

Dipinto raffigurante l'Annunciazione dell'Angelo a Maria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Gruppo di preghiera Padre Pio "Speranza" della nostra parrocchia ha ottenuto il diploma di aggregazione al Centro Internazionale dei Gruppi di preghiera Padre Pio. 

Vai alla pagina del Gruppo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

X Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

Parola del Signore

Lode a te, o Cristo

 

LITURGIA DELLA DOMENICA E DELLE SOLENNITA'

 

XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Io t’invoco, mio Dio: dammi risposta,
rivolgi a me l’orecchio e ascolta la mia preghiera.
Custodiscimi, o Signore, come la pupilla degli occhi,
proteggimi all’ombra delle tue ali. (Sal 17,6.8)

 

Leggi la liturgia 

 

 

(Mt, 22,15-21)

«Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultime notizie

24 DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (A)…

XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO  …

Read More...

24 DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (A)…

XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO  …

Read More...

Altre Celebrazioni…

Il giorno 23 di ogni mese: incontro del…

Read More...

Contatore Visite

71812
OggiOggi28
IeriIeri64
Questa settimanaQuesta settimana370
Questo meseQuesto mese1346
Tutti i giorniTutti i giorni71812

Il Santo del giorno

Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Siti Cattolici